Sito ufficiale del Consiglio Notarile della Provincia di Modena

FAQ: Chiedilo al notaio

» Tutte le faq

Notizie

» Tutte le notizie

Consiglio Notarile di Modena

Corso Canalgrande 71 - 41121 Modena (MO) Italia

Tel: +39-059-223721, Fax: +39-059-223707

Email:

PEC: cnd.modena@postacertificata.notariato.it

PEC: protocollocnd.modena@pec.notariato.it

Come acquistare una casa in leasing

Lunedì, 10 Ottobre 2016

COME ACQUISTARE UNA CASA IN LEASING

“Rent to buy e altri modi per comprar casa” e “Leasing Immobiliare Abitativo” : sono le due nuove “Guide per il cittadino” sul tema del comprare immobili alla luce delle ultime novità normative, presentate a Modena, nell'ambito dell'incontro pubblico "La casa, un bene essenziale. Modalità alternative di acquisto" tenuto a Modena, in Galleria Europa, patrocinio del Comune.

Sul tema rispondiamo al quesito di un lettore.

Ho sentito dire che ora possibile acquistare un'abitazione con il leasing . Posso avere qualche informazione?

Dal primo gennaio scorso possibile acquistare la casa in leasing, che rappresenta una soluzione per acquistare immobili e in particolare, nel nostro caso, immobili abitativi con un sistema alternativo a quello della compravendita pura. È un'operazione con una spiccata componente finanziaria. Consente infatti ad un soggetto, l’utilizzatore, il godimento di un bene grazie all'apporto economico di un soggetto abilitato al credito, il concedente, il quale, con le proprie risorse finanziarie, permette all’utilizzatore di soddisfare interesse che, diversamente non avrebbe avuto la possibilità di realizzare se non appunto attraverso il pagamento periodico di una somma(canone) che si compone, in parte, del costo del bene e, in parte, degli interessi dovuti al finanziatore per l'anticipazione del capitale.

Si sostanzia in un rapporto trilaterale e in un collegamento negoziale, l'utilizzatore finale sceglie l' abitazione , ne definisce le condizioni di acquisto con il proprietario/venditore e lo segnala alla società di leasing. Quest' ultima stipula con l'utilizzatore un contratto, appunto di Leasing, con il quale impegna ad acquistare l'immobile e a metterlo a disposizione per una dato periodo di tempo e dietro corresponsione di determinato canone allo stesso utilizzatore il quale a sua volta si riserva di esercitare, al termine del periodo concordato l’opzione di acquisto definitivo pagando un prezzo che è notevolmente inferiore rispetto al valore del bene in quanto la residua parte compresa nei detti canoni. La società di leasing in esecuzione di questo accordo acquista poi l’immobile dal proprietario venditore. I soggetti quindi sono 3: utilizzatore, proprietario, o anche fornitore, e società di leasing, mentre i contratti tra essi collegati sono certamente due: contratto di leasing tra società di leasing ed utilizzatore, contratto di compravendita tra proprietario e società di leasing ed, eventualmente, contratto di esercizio dell’opzione o riscatto tra società di leasing e utilizzatore.

Il risultato finale è simile a quello del mutuo e del rent to buy (affitto in funzione di acquisto). In tutte queste soluzioni colui che vuole acquistare l’immobile decide di pagare periodicamente - rata, canone di affitto o canone di leasing - a fronte di un acquisto che si perfeziona con il tempo. Le differenze stanno più che altro nella struttura: nel mutuo infatti l' acquirente diventa subito proprietario salvo concedere ipoteca sull'immobile a favore della banca a garanzia della restituzione di quanto ricevuto; nel rent to buy si crea un rapporto diretto con il proprietario del bene e l'acquirente ha immediatamente il godimento dell'immobile, corrispondendo un canone di locazione che comprende una somma per l’ utilizzazione del bene e una somma in conto prezzo finale per l’acquisto per il quale eserciterà apposita opzione; nel leasing, infine il rapporto dalla società di leasing che mette a disposizione il capitale necessario a pagare il prezzo di vendita mentre l'acquirente verserà un canone ed eventualmente prezzo finale del riscatto.

L' appeal maggiore del leasing abitativo è rappresentato dai benefici fiscali previsti . E stata estesa anche a questa figurala detraibilità ai fini Irpef, prevista già per il mutuo, di una percentuale del 19% dei canoni di locazione e degli oneri accessori nonché del prezzo finale di riscatto, detraibilità consentita a chi acquista l’abitazione principale, ha un reddito complessivo lordo non superiore a 55mila euro ne non è titolare di altri diritti di proprietà su immobili abitativi.

Documenti

Privacy - Note legali - URP - Elenco siti tematici - © Tutti i diritti riservati - DevB Nettamente