Sito ufficiale del Consiglio Notarile della Provincia di Modena

FAQ: Chiedilo al notaio

» Tutte le faq

Notizie

» Tutte le notizie

Consiglio Notarile di Modena

Corso Canalgrande 71 - 41121 Modena (MO) Italia

Tel: +39-059-223721, Fax: +39-059-223707

Email:

PEC: cnd.modena@postacertificata.notariato.it

PEC: protocollocnd.modena@pec.notariato.it

ROGITI, CHE COSA SERVE PER EVITARE SANZIONI

Lunedì, 21 Dicembre 2015

ROGITI, CHE COSA SERVE PER EVITARE SANZIONI
Vorrei sapere cosa è tenuto a dichiarare il venditore al notaio con riferimento alla normativa urbanistica, e che cosa accade se si omette dl dichiarare qualche provvedimento autorizzativo o concessione in generale.
La legge sul condono edilizio obbliga tutti i venditori ad attenersi alle seguenti disposizioni:
1) Devono dichiarare nel rogito gli estremi della licenza edilizia o della concessione ad edificare relativa all'immobile oggetto della compravendita, a meno che il fabbricato non sia stato costruito prima del 1° settembre 1967 (nel qual caso non ci sarà bisogno degli estremi della licenza edilizia);
2) Devono dichiarare e garantire altresì che in relazione all'immobile oggetto della compravendita non sono state eseguite nè in sede di costruzione nè successivamente, sia da parte del venditore che da parte di precedenti proprietari, opere edilizie abusive ovvero difformi dall'originario progetto o tali da dover richiedere licenze edilizie o concessioni o autorizzazioni;
3) Devono infine, laddove siano state edificate opere abusive per le quali sia stato chiesto un condono, dichiarare gli estremi della concessione o autorizzazione in sanatoria rilasciata dal Comune o. in mancanza, portare la copia autentica della domanda di condono delle ricevute dei bollettini di versamento dell'oblazione autoliquidate e dei contributi concessori pagati.
Per quanto riguarda le sanzioni previste espressamente dalla legge sul condono edilizio si fa presente che una eventuale dichiarazione mendace da parte del venditore relativa alla, sussistenza delle licenze edilizie ovvero all'insussistenza di opere abusive comporta le seguenti conseguenze:
a) Nullità totale della vendita nei casi di mancanza completa di licenza o concessione edilizia o di totale difformità della costruzione rispetto alla licenza o concessione rilasciata per il progetto originario (infatti, in tal caso, l'immobile sarebbe completamente incommerciabile);
b) Nullità parziale della vendita in caso di difformità riguardante una porzione edilizia autonoma o di realizzazione di volumetrie eccedenti che hanno dato luogo ad una porzione edilizia autonoma (in tal caso è incommerciabile la solo la porzione abusiva);
c) Per altri abusi minori sono comminate, infine, delle sanzioni pecuniarie generalmente a carico del proprietario o, addirittura, la demolizione della parte abusiva con obbligo del venditore di risarcire i danni subiti dal compratore.
Comunque, in tutti i casi di vendita con abusi, i venditori sono sempre tenuti al risarcimento del danno verso i compratori o per il mancato buon fine della vendita (nei casi di nullità) o per, le sanzioni camminate dal Comune, In altre parole non si possono vendere immobili con abusi edilizi peri quali non sia stato richiesto il condono.
Il suggerimento, ove il venditore non fosse in grado di produrre la documentazione urbanistica al compratore, è quello di rivolgersi ad un tecnico che controlli la perfetta corrispondenza dell'immobile da vendersi a quanto stabilito dalla Legge sul condono edilizio, facendosi possibilmente rilasciare dallo stesso tecnico una certificazione comprovante la verifica effettuata e la regolarità urbanistica dell'alienando fabbricato. Lo stesso Compratore, qualora il sopracitato controllo non sia stato effettuato dal Venditore, potrebbe valutare la possibilità di rivolgersi ad un tecnico di propria fiducia che effettui i controlli succitati.
Si precisa infine che nonostante il notaio sia particolarmente attendo e sensibile nella gestione delle tematiche urbanistiche, le dichiarazioni che vengono recepite nell'atto in materia, sono tecnicamente di provenienza del venditore che ne è l'unico responsabile, tanto è vero che ove il venditore dichiarasse in atto di essere assolutamente certo della regolarità urbanistica dell'immobile, il notaio ha comunque l'obbligo di stipulare dovendo egli, in materia, limitarsi a raccogliere le dichiarazioni delle parti.
Per quesiti al Consiglio Notarile di Modena scrivere all'indirizzo: consigliomodena@notariato.it

Documenti

Privacy - Note legali - URP - Elenco siti tematici - © Tutti i diritti riservati - DevB Nettamente