Sito ufficiale del Consiglio Notarile della Provincia di Modena

FAQ: Chiedilo al notaio

  • Uno scambio di autorimesse e la permuta

    Uno scambio di autorimesse e la permuta Quando due condomini si accorgono che stanno utilizzando uno l’autorimessa dell’altro, che cosa possono…

  • DUE QUESITI SUL TESTAMENTO

    Due quesiti sul testamento Gli eredi quando il defunto non ha espresso le proprie volontà Mio padre è morto senza lasciare testamento. Chi sono gli e…

» Tutte le faq

Notizie

» Tutte le notizie

Consiglio Notarile di Modena

Corso Canalgrande 71 - 41121 Modena (MO) Italia

Tel: +39-059-223721, Fax: +39-059-223707

Email:

PEC: cnd.modena@postacertificata.notariato.it

PEC: protocollocnd.modena@pec.notariato.it

Organizzazione del notariato

Il Consiglio Nazionale Del Notariato

Il Consiglio Nazionale del Notariato è l'organo centrale dell’ordine professionale della categoria. È composto da venti notai, eletti direttamente - con limite di due mandati consecutivi - da tutti i notai in esercizio con elezioni che si svolgono ogni tre anni. Con le stesse modalità vengono eletti i tre componenti del Collegio dei Revisori dei Conti. I venti Consiglieri eletti nominano dopo l'insediamento: il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario ed il Comitato esecutivo.

I compiti del Consiglio Nazionale del Notariato sono così stabiliti dalla legge:

  1. fornire pareri al Ministero della Giustizia, se richiesto, su disposizioni da emanarsi concernenti l'ordinamento notarile e su argomenti che riguardino la professione;
  2. presentare proposte che ritenga opportune in materia di Notariato;
  3. raccogliere e coordinare le proposte dei Consigli Notarili e dei notai;
  4. assumere iniziative di studio interessanti la categoria;
  5. curare la tutela degli interessi della categoria;
  6. elaborare principi di deontologia professionale.

Per svolgere le proprie funzioni il Consiglio può istituire apposite commissioni, con l'apporto anche di elementi esterni aventi particolari competenze specifiche. Una commissione speciale, denominata "Osservatorio permanente per la deontologia", sorveglia sulla uniforme applicazione in tutto il territorio nazionale del Codice Deontologico, complesso di norme comportamentali vincolanti per tutti i notai, elaborato dal CNN e pubblicato per la prima volta nell'anno 1994. Il testo attualmente in vigore è stato approvato dal Consiglio Nazionale del Notariato con deliberazione n. 2/56 del 5 aprile 2008.

Esula invece dalla competenza del CNN l'esame e la soluzione dei casi specifici e l'applicazione delle sanzioni disciplinari: questa materia è riservata ai singoli Consigli Notarili Distrettuali.

Come organo centrale della categoria il Consiglio cura i rapporti con lo Stato nei campi connessi alla funzione notarile, organizza i congressi nazionali e promuove convegni per lo studio delle problematiche del momento e delle novità legislative, organizza o patrocina corsi di aggiornamento professionale per i notai in esercizio attraverso la Fondazione Italiana del Notariato, adotta i provvedimenti del caso che venissero suggeriti da quesiti o esposti di interesse generale.

Il Consiglio non ha competenza sul concorso per la nomina a notaio: deve solo fornire al Ministero della Giustizia un elenco non vincolante di notai fra i quali il Ministero possa scegliere i sei notai che, con nove magistrati e sei professori universitari docenti di materie giuridiche, anch'essi di nomina ministeriale, costituiranno la commissione d'esame. La organizzazione e la gestione del concorso è riservata esclusivamente al Ministero della Giustizia.

Formazione professionale permanente

Il Notariato da sempre, per tradizione, ha promosso l’attività di formazione dei notai e l’obbligo di formazione continua per legge risale al 2006. La formazione permanente dei notai è realizzata dal Consiglio Nazionale del Notariato mediante la Fondazione Italiana del Notariato e da tutti gli altri enti, sia del Notariato sia esterni, accreditati per lo svolgimento di questa attività.

I Consigli Distrettuali

La distribuzione dei notai sul territorio nazionale è divisa in 92 Distretti; l'ambito territoriale del Distretto coincide per legge con la circoscrizione del Tribunale. I notai aventi sede nel Distretto costituiscono il Collegio notarile e per ogni Collegio vi è un Consiglio Notarile. I distretti in cui operano meno di quindici notai possono essere riuniti ad altro Distretto limitrofo per formare un unico Consiglio Notarile.

Sede del Consiglio è la città ove è posto il Tribunale del Distretto.

Il Consiglio Notarile è composto di cinque, sette, nove o undici membri secondo il numero dei notai presenti nel Collegio; viene eletto dai notai esercenti nel distretto e gli eletti restano in carica tre anni. Ogni anno un terzo dei Consiglieri scade dalla carica per compiuto triennio ed entro il mese di febbraio si vota per rinnovarlo. Il Consiglio elegge tra i propri membri il presidente, il segretario e il tesoriere.

Le funzioni

Il Consiglio Notarile svolge le seguenti funzioni:

  • disciplinare: può aprire il procedimento davanti alla Commissione Regionale di Disciplina, organo competente a giudicare in primo grado sugli illeciti disciplinari dei notai e ad irrogare le sanzioni;
  • vigilanza: sovrintende alla salvaguardia "del decoro dell'esercizio della professione, nella condotta dei notai, nella esatta osservanza dei loro doveri". La vigilanza non si esaurisce in un potere di richiamo, ma si esplica anche nel potere di indagine e di partecipazione attiva al procedimento disciplinare.

Trova il Consiglio Notarile più vicino a te: visita la sezione Trova Distretto COLL: http://www.notariato.it/it/trova-distretto

Trasparenza

È stata presentata il 16 luglio 2015 la "Carta dei diritti del cittadino nei rapporti con il notaio”, realizzata dal Consiglio Nazionale del Notariato insieme a 10 associazioni dei consumatori - Adiconsum, Adoc, Assoutenti, Casa del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Federconsumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori - per far conoscere le garanzie offerte dal notaio nell’esercizio della sua funzione pubblica, informare il cittadino dei suoi diritti a tutela dei suoi beni e rendere trasparente e facilmente comprensibile una professione complessa come quella del notaio.

La carta dei diritti rappresenta un modello che il Notariato, primo in Italia tra gli ordini professionali dell’area economico-giuridica, propone insieme alle associazioni dei consumatori per aiutare il cittadino a orientarsi in maniera consapevole nella prestazione del notaio.

La carta, che si compone di diverse sezioni, dalle garanzie offerte dalla prestazione del notaio ai diritti dei cittadini nei rapporti con il notaio e le sue responsabilità, si propone come uno strumento di facile lettura utile ad orientare l’utente nella complessità della prestazione notarile e renderlo consapevole delle garanzie offerte dall’atto pubblico nelle operazioni economiche che riguardano la famiglia, la casa, i mutui le successioni, ecc.

Privacy - Note legali - URP - Elenco siti tematici - © Tutti i diritti riservati - DevB Nettamente